Ex caserme: l’assessore Berdini favorevole a proseguire il progetto

CASERMA VIA GUIDO RENII comitati  del tavolo partecipato per le linee guida per il progetto Flaminio hanno scritto a Comune e Municipio chiedendo un incontro pubblico  per fare il punto della situazione e  hanno ricevuto la risposta dell’ Assessore all’urbanistica Berdini e  della Presidente del  II Municipio Del Bello e dell’Assessore municipale Giovannelli , che si sono dichiarati tutti disponibili. Il 13 ottobre è stata diffusa un’agenzia in cui l’assessore del Comune manifesta la sua  intenzione di proseguire il percorso intrapreso (in calce) . I tempi per la conclusione dell’iter sono tuttavia molto stretti: se entro agosto 2017 non verrà approvato defintivamente il progetto con una Delibera in Assemblea Capitolina, dopo vari passaggi in cui verranno raccolte anche le osservazioni dei cittadini, il progetto potrebbe essere azzerato e Cassa Depositi e Prestiti, proprietaria dell’area, potrebbe cederla a terzi o avanzare un altro progetto. (AMBM)

Omniroma-URBANISTICA, BERDINI: PROGETTO ‘MUSEO SCIENZA’ VA AVANTI, RISPETTEREMO TEMPI (OMNIROMA) Roma, 13 OTT – “L’iter per la riqualificazione dell’ex caserma di via Guido Reni andrà avanti. L’amministrazione comunale è a favore di questo progetto. La conferenza dei servizi si sta per concludere e siamo sicuri di poter concludere l’iter” per l’approvazione del progetto definitivo entro i tempi stabiliti, ovvero “entro agosto 2017”. Così, l’assessore comunale all’Urbanistica, Paolo Berdini, interpellato da Omniroma in merito allo stato di attuazione del progetto di riqualificazione del’area di via Guido Reni, dove la precedente amministrazione comunale aveva ipotizzato di far nascere un museo della Scienza. Più nel dettaglio, la trasformazione urbanistica dell’ex stabilimento macchine elettriche di precisione di via Guido Reni è uno dei progetti sviluppati dal Fondo per la Valorizzazione, fondo immobiliare dedicato alla valorizzazione degli immobili pubblici, gestito da CDP Investimenti Sgr, società del Gruppo Cassa Depositi e Prestiti. “I contenuti del progetto – ricorda Cdp – sono stati definiti dal Comune con una delibera di assemblea capitolina di agosto 2014 e prevedono l’insediamento della nuova Città della Scienza, di spazi e servizi pubblici e di un nuovo quartiere composto da residenze (anche convenzionate), servizi commerciali e un albergo, per 45.000 mq di superfici edificatorie private e circa 27.000 mq di superfici edificabili pubbliche. Il progetto dei nuovi interventi è stato individuato con un concorso di architettura (al quale hanno partecipato oltre 240 progettisti italiani e stranieri) che si è concluso a giugno 2015 ed è stato aggiudicato allo Studio Paola Viganò in associazione con la società di ingegneria D’Appolonia. A dicembre 2015, CDP Investimenti Sgr ha consegnato al Comune di Roma, per l’avvio dell’iter approvativo, il Piano di Recupero delle aree di via Guido Reni elaborato dai progettisti vincitori. A seguito di un’approfondita pre-istruttoria urbanistica, lo scorso 12 settembre si è aperta la conferenza dei servizi chiamata a esprimersi sul progetto di Piano di Recupero, entro 90 giorni. Successivamente, il Piano di Recuperò potrà essere adottato dall’assemblea capitolina e, a valle di una fase partecipativa e una verifica da parte della Regione Lazio, potrà essere definitivamente approvato, entro agosto 2017”. gdr 131506 OTT

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in ex caserma di Via Guido Reni, ex caserma via guido reni e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

5 risposte a Ex caserme: l’assessore Berdini favorevole a proseguire il progetto

  1. carghemel ha detto:

    Anche  per quello che riguarda la città della scienza e l osservatorio Scientifico ?

    Inviato da smartphone Samsung Galaxy.

  2. Taje Maria Grazia ha detto:

    Ho partecipato al MAXXI a due incontri degli abitanti del quartiere Flaminio e delle varie Associazioni con gli Amministratori per discutere del progetto di recupero dell’area della vecchia
    caserma: Abito nel quartiere da qualche mese e spero di viverci a lungo. Questo progetto mi sconcerta per varie ragioni:
    – L’operazione della CDP è chiaramente speculativa e mi sembra che 2.000 mq per il sociale siano ben poca cosa considerati i 45.000 mq destinati alle costruzioni private
    – In alto sulla planimetria si leggono TRE parole negate in gran parte dal progetto: MANTENERE RIUSARE RICICLARE. Si possono forse applicare solo ai 2.000 mq lasciate al sociale…
    – Sento parlare della Citta della scienza : chi la realizzerà, c’è già un progetto? Che superficie occuperà?Chi e come la gestirà?
    . La biblioteca prevista nell’area “sociale” potrebbe invece essere quella della Città specializzata per temi.
    – Sono previsti e dove parcheggi? Percorsi ciclabili? Importanti i percorsi per i disabili.
    – Luoghi di incontro tra giovani, bambini e anziani?
    – Mi ha colpito l’assenza di giovani agli incontri. Come coinvolgerli?
    – Molto utili le visite ad altre realtà romane.
    – Suggerisco di pubblicare le proposte che arrivano dai cittadini del Flaminio ed eventualmente sottoporle ad una votazione popolare in rete.

  3. Pingback: Progetto Flaminio, lo stato dell’arte | cittadinanzattivaflaminio

  4. Pingback: Progetto Flaminio, lo stato dell’arte |

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...