Elezioni 2016: le richieste di Cittadinanzattiva Flaminio

ea

ea

Le nostre richieste per i candidati  Sindaco e Presidente del II Municipio

Il quartiere Flaminio vanta una particolare qualità di vita, grazie alla sua collocazione su un’ansa del Tevere, al suo patrimonio di verde pubblico e alla relativamente ridotta densità abitativa. Negli ultimi anni  il suo patrimonio urbanistico si è arricchito di opere come l’Auditorium, il MAXXI, il Ponte della Musica, il progetto del quartiere della Città della Scienza, che hanno moltiplicato le dimensioni architettonica e culturale del nostro quartiere, rendendolo un interessante   laboratorio per  nuovi esperimenti urbani. Spesso però i cittadini accolgono il cambiamento con diffidenza, soprattutto perché sanno che molti grandi progetti urbanistici possono poi rivelarsi  scatole scintillanti che contengono centri commerciali, palestre, alberghi e tutto ciò che può “fare rendita”, a scapito dei beni comuni, tutelati dall’ articolo 9 della Costituzione come il verde pubblico, i beni storici e artistici, i servizi sociali, gli spazi collettivi non subordinati al consumo. Per questo Cittadinanzattiva Flaminio intende  avviare  un dialogo con le istituzioni e con tutte le forze politiche coinvolte nelle scelte presenti e future: solo attraverso la reale partecipazione dei cittadini alla progettazione del cambiamento  può essere mantenuta viva   la nostra storia, la nostra cultura,  la nostra qualità della vita e, soprattutto, la nostra appartenenza a una “comunità”

campo-di-basketI punti

Come Cittadinanzattiva Flaminio chiediamo che coloro che si candidano ad amministrare il II Municipio e il Comune di Roma Capitale si confrontino, prioritariamente, con i temi concreti e misurabili, che sono sentiti come primari dalla stessa cittadinanza.

I punti che seguono illustrano alcuni problemi del Flaminio e, in più casi, contengono anche dei suggerimenti per la loro soluzione.

Consapevoli che l’entità dei problemi non hanno lo stesso peso, in termini di tempi e costi necessari per il loro superamento, chiediamo ai candidati di assumere comunque una posizione in merito. Una posizione chiara e ben decifrabile dagli elettori

  1. Gli interventi del Piano Urbano Parcheggi
  2. L’Area dall’ Auditorium allo Stadio Flaminio
  3. Il “Borghetto” Flaminio
  4. Il Tram 2
  5. La cura del verde
  6. Ponte della Musica
  7. Piazza Mancini
  8. Abusi e irregolarità
  9. Barriere architettoniche
  10. Pedonalizzazione di piazza Perin del Vaga
  11. Villaggio Olimpico
  12. Gli ex stabilimenti militari di Via Guido Reni e il Progetto Flaminio
  13. La collina franata di Villa Balestra

scarica versione stampabile Quesiti per i candidati CA Flaminio 3 maggio 2016

 A) Gli interventi del Piano Urbano Parcheggi

mappa PAI nuova perimetrazione Flaminio R3 R2La recente riperimetrazione, ad opera dell’Autorità di Bacino del Fiume Tevere, del rischio esondazione dell’ansa del Flaminio e la retrocessione da livello R3 a livello R2 (rischio inferiore) di alcune aree, come quelle di Piazza Mancini, Via Stern e altre, riapre la strada alla realizzazione di nuovi parcheggi interrati nel Flaminio, senza neanche aver collaudato il un muretto di sponda realizzato ormai da anni tra ponte Milvio e ponte Flaminio, che doveva abbassare il rischio esondazione nell’intera ansa.

In ogni caso, nonostante la richiesta della precedente (attuale) amministrazione municipale, di una moratoria degli interventi fino a una revisione del Piano Urbano Parcheggi del II Municipio e il completamento degli interventi mai completati, il Piano del 2008, con i 17 interventi nella nostra zona, è tuttora vigente. Né è stato modificato lo schema di convenzione con più tutele assicurative ai residenti e non sono nemmeno state adottate le Linee guida elaborate dall’Ordine dei Geologi insieme all’Ufficio Parcheggi del Comune ormai 3 anni fa.

Al fine di evitare che possano essere compiuti interventi spesso inutili e con scarse tutele per i residenti, oltre agli approfondimenti e alle verifiche che come CAF stiamo sollecitando agli uffici preposti, si ritiene indispensabile una chiara presa di posizione in merito da parte dei candidati.

L’Area dall’ Auditorium allo Stadio Flaminio

stadio flaminio mapSi è affacciata la prospettiva della costruzione di una nuova grande multisala nell’area tra l’Auditorium e lo Stadio Flaminio. Il progetto, avanzato da privati, prevede la realizzazione di una multisala cinematografica composta da 8 sale per 1.300 posti, con corredo di parcheggio multipiano interrato e strutture commerciali.

L’opera, se realizzata, andrebbe ad aggravare i rilevanti problemi di traffico e di inquinamento (anche acustico) che, con notevole frequenza, si ingenerano nel quartiere, per la presenza (spesso compresenza) di eventi che si tengono nel quartiere (sportivi, musicali, artistici, ecc.). Si consideri, inoltre, che da alcuni anni due cinema storici del quartiere sono chiusi.

La precedente amministrazione aveva proposto un intervento di rigenerazione urbana nell’adiacente Stadio Flaminio, ma i proponenti hanno alla fine dichiarato il loro disinteresse, e quindi il rischio della multisala resta, e nello stesso tempo resta irrisolta l’annosa questione sullo stato di gravissimo abbandono dello Stadio Flaminio. E’ quindi essenziale individuare delle soluzioni per il recupero dello Stadio e più in generale della rigenerazione urbana dell’area, senza consumo di suolo e nuove edificazioni né interventi che aggravino la vivibilità del quartiere.

stadio flaminio aprile 2016IMG_6031

C) Il “Borghetto” Flaminio

Anche il “Borghetto” Flaminio continua a versare in un penoso stato di degrado, che appare tanto più inaccettabile in considerazione del valore storico dell’area e della vicinanza con Piazza del Popolo.

borghetto-flaminio-light

D) Tram 2

Le condizioni di viabilità del quartiere sono peggiorate, soprattutto per effetto dello scadimento della qualità del servizio assicurato dal tram 2, vera spina dorsale della mobilità della zona nord della città. I tempi di percorrenza del tram sono di fatto raddoppiati a causa dell’abbandono del sistema dei semafori intelligenti, utilizzato nella prima fase di esercizio. Inoltre il numero di mezzi è diminuito – 12 unità in tutto – al punto da comportare una frequenza sensibilmente minore delle corse giornaliere.

 E) Cura del verde

IMG_0160Il Flaminio è certamente uno dei quartieri più verdi di Roma, anche per la ricchezza della vegetazione sulla sponda del Tevere e nel Villaggio Olimpico. Come tale subisce più di altri il degrado e l’abbandono cui negli ultimi anni ha colpito la cura del verde in tutta l’estensione comunale. La fisionomia dei viali alberati del quartiere si sta impoverendo a causa del progressivo taglio di alberi che non vengono sostituiti e della cattiva potatura di quelli superstiti; in quei rari casi, inoltre, nei quali si è provveduto a sostituire gli alberi abbattuti si è, generalmente, fatto ricorso ad essenze estranee alla natura dei luoghi.

Cittadinanza Attiva Flaminio, da alcuni anni, si è fatta promotrice di svariate iniziative concrete a difesa e conservazione del verde, curando, tra l’altro, la diffusione della sensibilità/conoscenza del verde urbano presso la cittadinanza, riuscendo a coinvolgere anche i più giovani grazie alla collaborazione con alcune scuole del quartiere.

F) Ponte della Musica

ambm

Sotto il Ponte della Musica

Inaugurato da pochi anni e mai completato nelle zone sotto ponte (mancano i collaudi nelle parti non terminate) è divenuto area destinata ad usi impropri – palestra per skateboard – nonché terreno di incontro notturno di ubriachi e vandali, insomma una vera e propria terra di nessuno. Occorre completare l’opera e restituirla ad un uso civico, sventando il rischio della soluzione, sempre in agguato, di assegnare una concessione di esercizio di uno spazio pubblico ad un privato, magari per estendere l’area della “movida”, il che riproporrebbe i problemi di controllo e di degrado sopra accennati. Chiediamo che qualunque soluzione venga affrontata con un tavolo partecipato dei cittadini.

G) Piazza Mancini

piazza-mancini-panoramica-light

Il progetto portato avanti da un tavolo partecipato per il Piano Urbano Flaminio ha affrontato la necessità di una soluzione urbanistica unitaria per l’intera area, ipotizzando lo spostamento oltre il Tevere dei capolinea che insistono sulla piazza e altre soluzioni.   Ma non sappiamo, con l’interruzione della consiliatura, che fine faranno i buoni propositi. Nella piazza insiste ancora il “Palaghiaccio Axel” chiuso in quanto, nonostante fosse stata edificato nel 2010 come  opera temporanea” – cioè con una durata massima di un anno – non è mai stato smantellato. Due sentenze – del TAR e del Consiglio di Stato –  hanno dato  ragione al Municipio, che da tempo ne  chiede l’abbattimento, ma nessun passo è ancora stato fatto. Sarà fondamentale realizzare, proseguendo sulla strada del coinvolgimento attivo dei cittadini e delle associazioni, un progetto organico e sostenibile volto a valorizzare uno spazio così grande ed importante per il quartiere. Contemporaneamente dovranno essere trovate soluzioni per l’utilizzazione degli spazi pubblici, offrendo anche spazi di ritrovo alternativi, da parte delle comunità straniere, costrette ad utilizzare luoghi inadatti e senza i necessari servizi.

H) Abusi e irregolarità

IMG_5568 abuso flaminio

casotto abusivo vicino a Ponte Milvio

facciata axel IMG_2001_2Nel Flaminio vi sono altre edificazioni non in regola, oltre al succitato “Palaghiaccio Axel”, come ad esempio: il Casotto accanto alla  “Casa del tango” e la stessa Casa del Tango, la struttura in ferro e vetro davanti  all’ Auditorium (di proprietà pubblica), il Campo bocce e la Ciclo officina sotto il viadotto di Corso Francia. Serve un serio cronoprogramma per il loro abbattimento/ridimensionamento nonché l’impegno ed un piano affinché le amministrazioni preposte esercitino una vigilanza più efficace e tempestiva per prevenire eventuali abusi, riportando nel perimetro delle regole anche quelle strutture che svolgono indubbiamente un importante ruolo sociale.

I) Barriere architettoniche

Sono ancora presenti troppe barriere architettoniche e, per quelle eliminate, non vi è adeguato controllo da parte della Polizia Municipale per cui, a causa di autoveicoli in sosta vietata che impediscono l’utilizzo degli “scivoli”, il diritto alla mobilità viene troppo spesso pregiudicato.

Serve un lavoro capillare e tempestivo di eliminazione delle barriere ancora presenti nonché la programmazione di frequenti controlli per scoraggiare tali forme di inciviltà.

 J) Pedonalizzazione di piazza Perin del Vaga

perin del vaga _1271È’ rimasto sinora inattuato il progetto di pedonalizzazione di piazza Perin del Vaga, uno degli angoli urbanisticamente più interessanti del Flaminio, forse perché sullo sfondo rimane il progetto di costruire anche qui un parcheggio interrato. E non è accettabile il progetto proposto dal Municipio di una piazza divisa a metà con quattro posti auto lasciati nel mezzo, a deturpare irrimediabilmente uno degli angoli più suggestivi del quartiere.

 

 

K)Villaggio Olimpico

Il Villaggio necessita di interventi di manutenzione complessiva che riconsegni a Roma un’area, sotto il profilo urbanistico, assolutamente unica. In particolare rimane in stato di grande degrado Piazza Grecia, che del Villaggio dovrebbe essere il fulcro e l’anima, con la gran parte dei locali commerciali che affacciano su di essa da anni chiusi e in abbandono (non è del resto chiaro perché  questi locali non possano essere recuperati per ospitare una sede dell’Asl, che con la chiusura degli ambulatori di piazza Gentile da Fabriano ha lasciato i residenti del quartiere – come noto, con una larga proporzione di anziani – senza un presidio sanitario di prossimità).

L) Gli ex stabilimenti militari di Via Guido Reni e il Progetto Flaminio

Progetto Vigano Flaminio citta della scienza 3

Questione cruciale per il futuro del Flaminio, è tema complesso per l’ampiezza delle opere che dovrebbero essere realizzate nel sito, per gli impatti sugli assetti del quartiere, per il delicato equilibrio tra opere pubbliche e private che vi si dovrebbero realizzare, per le tempistiche di realizzazione. Per questo insieme di ragioni la “voce ” dei residenti dovrà continuare ad essere ascoltata, seguendo il percorso già avviato con associazioni e cittadini per l’elaborazione delle linee guida del masterplan a base del concorso internazionale

M) Frana della collina di Villa Balestra

A distanza di ormai otto anni rimane irrisolta la rimozione della frana della collina di villa Balestra che, tra l’altro, ostruisce seriamente il flusso veicolare in viale Tiziano.

piazzale belle arti frana 2 lightvedi anche

Flaminio: interventi e criticità (al gennaio 2016)

di Anna Maria Bianchi* Il Flaminio  è diventato uno dei più pregiati quartieri di Roma, per la sua posizione e per la sua rivalutazione negli ultimi anni, dopo la realizzazione di una serie di opere di grande qualità architettonica e … Continua a leggere

Tra la via Flaminia e il Far West

 Ieri, 29 aprile, sono stati messi i sigilli all’Axel, una struttura di circa 3.000 metri quadri coperti, che sorge su suolo pubblico in piazza Mancini (proprietà dell’INPS), con una pista da ghiaccio, una  palestra, un  negozio specializzato e un ristorante … Continua a leggere

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in iniziative, istituzioni, Mobilità e parcheggi, verde pubblico e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Elezioni 2016: le richieste di Cittadinanzattiva Flaminio

  1. Pingback: il Quartiere incontra i candidati Presidente II Municipio | cittadinanzattivaflaminio

  2. Pingback: Stadio Flaminio, l’ennesimo progetto di farne lo Stadio della Lazio … | cittadinanzattivaflaminio

  3. Pingback: Stadio Flaminio, ancora il progetto di farne lo Stadio della Lazio … | cittadinanzattivaflaminio

  4. Pingback: Stadio Flaminio, ancora il progetto di farne lo Stadio della Lazio … |

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...