Riprendiamoci il Ponte della Musica

Questo slideshow richiede JavaScript.

Il Ponte della Musica è diventato uno spazio pubblico del quartiere, vissuto dai residenti e da tanti  romani come un posto dove passeggiare, andare un bici, farsi un selfie, baciarsi, leggere un libro, fare ginnastica in gruppo. Un luogo magico, che dopo l’inaugurazione ufficiale delle autorità comunali (allora Sindaco Alemanno) avevamo inaugurato noi cittadini,  con una festa organizzata da Cittadinanzattiva Flaminio, musica  e balli.  Ma a distanza di quattro  anni la struttura del ponte e gli spazi sottostanti stanno inesorabilmente diventando come molti altri spazi di tutti, cioè spazi  di nessuno, di cui  ognuno può fare quello che vuole, imbrattando i muri per lasciare “il segno”, distruggendo arredi urbani pagati da tutti, spargendo  immondizie. E così un luogo di quiete e di bellezza a cavallo del fiume si sta rapidamente trasformando in una scheggia di degrado conficcata  tra un Foro Italico abbandonato a se stesso e un quartiere, il Flaminio, dove si stanno mettendo in cantiere nuovi pezzi di città, mentre già si stanno deteriorando quelli che non sono ancora neanche finiti.

Perché a oggi non sappiamo quale progetto esista per  questo spazio sotto il Ponte, diventato una palestra spontanea dove i ragazzi vengono ad esercitarsi con lo skateboard:  si era detto un anfiteatro per concerti all’aperto e si era parlato di un affidamento all’Auditorium, ma  non se ne è più saputo nulla. E quei muretti in mattone e travertino – c’è persino una fontanella, ormai distrutta –  sembrano l’ennesima incompiuta di una città dove si sprecano gli annunci e le inaugurazioni e si porta  a termine troppo poco. Non sappiamo chi dovrebbe tenere pulita la struttura, vuotare i cestini, vigilare e manutenere. Ma sappiamo anche che non si possono sempre accusare solo le istituzioni. Il Ponte vandalizzato è responsabilità principalmente dei vandali. Che sono sempre cittadini. Forse “diversamente cittadini”.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Flaminio, Uncategorized e contrassegnata con , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...