Ex caserme Via Guido Reni: “manovre di palazzo” e impegno dei cittadini

titolo Manifesto Berdini

L’articolo del Manifesto del 1 maggio con gli edifici militari di Via Flaminia

Oggi, 8 maggio,  il quotidiano Il Manifesto pubblica  le precisazioni dell’ Assessorato alla Trasformazione Urbana di Roma Capitale a proposito di un articolo apparso il 1 maggio scorso  a firma dell’urbanista Paolo Berdini,  dal titolo “Le manovre di palazzo sulle caserme romane del Flaminio”, riferito al progetto della Città della Scienza nelle ex caserme di Via Guido Reni.  

Il comunicato dell’assessorato mette in evidenza  numerose inesattezze e anche errori contenuti nell’articolo di Berdini (1)    che si possono verificare consultando  l’ampio materiale sul progetto che si trova on line anche sul nostro sito  dallo scorso  gennaio. A partire dal fatto che l’autore parla   di  “300 mila metri cubi di cemento pari a tre alberghi Hilton“, quando le edificazioni private previste sono la metà, circa 140 mila, di cui circa 20.000 mq di alloggi sociali. E vogliamo anche aggiungere  che la  foto che illustra  l’articolo  non mostra  neanche  le caserme  interessate, ma degli altri edifici militari su Via Flaminia tuttora in uso al Ministero della Difesa:   una scelta che  ci sembra piuttosto infelice, dato che l’immagine, tratta evidentemente dall’archivio di  qualche manifestazione  che nulla ha a che fare con l’intervento, rischia di insinuare nel lettore l’idea  che quella folla sia scesa in piazza contro la trasformazione urbanistica di cui si parla.

CASERMA VIA GUIDO RENI

Gli stabilimenti militari di Via Guido Reni

 

Anche perchè  nell’articolo vengono esplicitamente  in ballo  i comitati che hanno organizzato il presidio di 4 mesi in Campidoglio contro le delibere urbanistiche della precedente giunta, tra cui quella  relativa alle ex caserme. Ma tale delibera in realtà è stata subito cancellata dalla nuova amministrazione, che ha approvato invece una nuova delibera  di giunta  con un progetto ben diverso dalla speculazione edilizia dell’era Alemanno.  E  siccome il Presidio lo abbiamo organizzato anche  noi – Carteinregola, No a Roma Capitale del cemento e altri comitati –  abbiamo abbastanza titolo per  dire che, come sanno quelli che seguono le nostre iniziative e il nostro blog, Cittadinanzattiva  Flaminio, come la maggioranza dei  cittadini e delle realtà territoriali del quartiere, sta  collaborando per costruire un percorso partecipato avviato dal Comune e dal II Municipio,   in modo forse non ancora completamente efficiente, ma senz’altro molto trasparente. E, conoscendo tutta la storia e le prospettive del progetto (> vai alla pagina), anche dal punto di vista talvolta critico  delle nostre richieste e rivendicazioni,  possiamo definire  quantomeno  superficiale l’accostamento di  Berdini tra un ecomostro come l’Hotel Hilton, che ha cementificato un’area verde protetta per fini esclusivi di profitto privato, e un progetto che prevede un museo pubblico, una piazza pubblica, servizi per il quartiere  e una quota di alloggi a canone calmierato per le famiglie giovani. Senza dimenticare che le caserme in oggetto non sono mai state di proprietà (e quindi nella disponibilità)  del Comune, dato che sono passate  dal Demanio (statale)  a Cassa Depositi e Prestiti.

Assicuriamo a Berdini che le nostre associazioni saranno sempre in prima fila per difendere la trasparenza e  la prevalenza dell’interesse pubblico, come abbiamo fatto finora, e monitoreranno passo passo il percorso dell’amministrazione informando i cittadini e avanzando le critiche necessarie. E naturalmente ascoltando con interesse le opinioni  diverse.  Ma ricordando sempre che i dati “oggettivi”   dovrebbero essere comuni a  tutti.

_____________________________________________________________

  • A questo link la  Registrazione integrale dell’incontro Quartiere Città della Scienza. Incontro tematico “Mobilità”  svoltosi il 17 aprile 2014 nell’Aula F1 della Facoltà di Architettura in Via Flaminia, 70

___________________________________________________________

(1)  MANIFESTO del 01-05-2014 –Le manovre di palazzo sulle caserme romane del  Flaminio di Paolo Berdini

Nell’appassionata difesa del proprio operato apparsa sul manifesto del 25 aprile in risposta alle critiche di Sandro Medici, il sindaco di Roma Ignazio Marino si lascia andare ad un’affermazione impegnativa: «Alcuni poteri economici, nella città che cambia, hanno dichiarato apertamente di essere all’opposizione». Non è chiaro a chi si riferisca ma dal punto di vista dell’urbanistica romana una maggiore prudenza non guasterebbe. Il potere finanziario che domina incontrastato la città non sembra per nulla all’opposizione o preoccupato, poiché tutto procede nel migliore dei modi. L’esempio più chiaro viene da quello che Marino sbandiera come un suo grande merito, e cioè la trasformazione delle caserme di via Guido Reni (nei pressi dell’ Auditorium di Renzo Piano, ndr), dove dovrebbero essere «valorizzati» alcuni immobili del ministero della difesa. Il  progetto però non è affatto nuovo e risale niente meno che al 2007, quando l’amministrazione di allora dichiarò che si sarebbe dato il via alla realizzazione del museo delle scienze. Se ripercorriamo i sette anni che ci separano da quell’annuncio, ci rendiamo conto di quali siano i nuovi poteri nella città e di come la finanza speculativa abbia – almeno temporaneamente – trionfato. Nel 2007 era operante la Scip 2, e cioè la società veicolo creata dal ministro Tremonti per valorizzare e vendere il patrimonio dello Stato. All’epoca, anche per il contrasto con le Fondazioni bancarie, non si raggiunsero gli equilibri economici e finanziari e la Scip 2 concluse la sua azione con un forte deficit. Ne migliore fortuna ebbe l’altra società di valorizzazione immobiliare, e cioè Fintecna. I fallimenti portarono Tremonti alla costruzione nel 2009 di una nuova società, la SGR investimenti, nata all’intemo della Cassa depositi e prestiti e alla cui direzione mise un suo fedelissimo, quel Massimo Verazzani che appena un anno prima era stato nominato commissario straordinario per il buco di bilancio di Roma. Da allora Cassa depositi e prestiti ha subito un processo di trasformazione profonda messo bene in  luce dalle analisi di Marco Bersani e dalle azioni del «Forum per una nuova finanza pubblica e sociale»: è infatti diventata, con la presenza di Franco Bassanini e delle Fondazioni bancarie, fl punto di equilibrio al cui intemo vengono risolti gli equilibri del potere finanziario che guidano i processi di vendita e trasformazione del patrimonio dello stato. Presidente del cda di SGR e direttore generale di Cdp è Matteo Del Fante, 12 anni passati in JP Morgan. Amministratore delegato di Cdp è Giovanni Gomo Tempini, formazione in Banca Intesa e 14 anni passati in JP Morgan. In tema di speculazione immobiliare, questa gigantesca banca privata (la seconda degli Stati Uniti) è una garanzia assoluta: nell’ottobre 2013 è stata costretta a risarcire il governo Usa per lo scandalo dei mutui subprime del 2007 – 2008 per un importo di 13 miliardi di dollari. Infine, per non farci mancare nulla, nel consiglio di amministrazione di Sgr siede Ettore Gotti Tedeschi, già presidente dello for. Ma torniamo alle caserme del Flaminio. Durante le assemblee con la popolazione è stato affermato che” si poteva discutere tutto, ma non l’enorme volumetria (300 mila metri cubi di cemento pari a tre alberghi Hilton, avrebbe detto Antonio Cederna) perché quello era l’equilibrio vincolante deciso da SGR investimenti che ha oggi la proprietà del bene. D destino di un importante quartiere di Roma viene dunque deciso da un gruppo di agguerriti finanzieri. Ecco perché il sindaco Marino dovrebbe essere più prudente a scrivere che la sua amministrazione «sta rompendo i privilegi consolidati». Se vuole farlo davvero, e sono convinto che questo obiettivo sia nelle sue corde, chiami a sostegno quella parte di città che ha sventato le folli delibere del cemento di Alemanno. E se vuole dare un segnale vero di cambiamento, imponga che al Flaminio, visto che la proprietà è interamente pubblica, vengano costruiti alloggi veramente pubblici e non sociali, come si ama dire m modo truffaldino oggi) da assegnare alle famiglie senza tetto costrette da anni ad occupare edifici abbandonati della città per essere poi sistematicamente sgomberate con la forza. Solo così si rompono davvero i privilegi.

(2) MANIFESTO 8 maggio 2014 ROMA
La giunta Marino e le caserme di via Guido Reni.

Sulla trasformazione urbanistica dell’ex stabilimento militare di macchine elettriche di via Guido Reni l’articolo pubblicato il 1 maggio dal titolo «Le manovre di palazzo sulle caserme del Flaminio» riporta informazioni errate.
Non è infatti vero che: «Il progetto non è affatto nuovo e risale niente meno che al 2007». C’era un progetto nel 2007 per la Città della Scienza al Flaminio, ma non nella caserma Guido Reni, bensì ín un piccolo lotto rimasto inedificato vicino al MAXXI. Si fece anche un concorso di architettura con un vincitore, ma era tutto finto. Si pensi che il museo si era ridotto ad appena 4.000 mq, non i 27.000 mq del progetto della Città della Scienza su cui sta lavorando l’attuale amministrazione. Non è vera l’affermazione: «L’enorme volumetria (300 mila metri cubi di cemento pari a tre alberghi Hilton,
avrebbe detto Antonio Cederna)». Sono 144 mila i metri cubi per funzioni residenziali, commerciali e turistico ricettive, di cui 19.200 di alloggi veramente sociali, secondo la definizione che ne dà il Decreto ministeriale del 22 aprile 2008: »Unità immobiliare adibita ad uso residenziale in locazione permanente che svolge la funzione di interesse generale […] di ridurre il disagio abitativo di individui e nuclei familiari svantaggiati, che non sono in grado di accedere alla locazione di alloggi nel libero mercato». L’area, che ha una estensione di 51.000 mq, e che non era di proprietà del comune ma dell’Agenzia del Demanio, diventerà di Roma Capitale per 24.000 mq e oltre alle attrezzature pubbliche di quartiere potrà ospitare una importante funzione pubblica di livello metropolitano,
«La città della scienza».
Inoltre alcune precisazioni a proposito de «le folli delibere del cemento di Alemanno». Bastava leggere il testo della stessa delibera su via Guido Reni per sapere che la giunta Marino ha cancellato la delibera scandalosa di Alemanno, la n.8 del 28/29 ottobre 2010, che aveva previsto una colata dì cemento sulle quindici caserme, per altro mai trasferite al Comune.
Una decisione contro la quale erano sorti in città movimenti e comitati. E infine un’osservazione sulle «manovre di palazzo sulle caserme del Flaminio». Il volume edificabile e le funzioni per la ex caserma Guido Reni erano già definite in una memoria
di giunta approvata il 25 settembre del 2013, ad appena due mesi dall’insediamento.
La lettera di Cassa depositi e prestiti investimenti SGR a Roma Capitale con la quale «si condividono gli scenari di trasformazione edilizia e urbanistica contenuti nella memoria» è del 17 dicembre 2013. Insomma è Cassa Depositi e Prestiti che ha accettato quanto proposto da Roma Capitale e non viceversa.
Un po’ di prudenza ìn più, come scrive il manifesto, quando si parla dell’urbanistica della giunta Marino servirebbe. Si tratta di una materia in cui non sono consentite approssimazioni. 

Assessorato alla Trasformazione Urbana di Roma Capitale

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in ex caserma di Via Guido Reni, tarsformazioni urbane e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...